gtag('config', 'UA-138619423-3');
SUSFONDOCHIARO3x
inviaci una richiesta
contattaci

whatsapp
messenger
phone

facebook
instagram
whatsapp
messenger
phone
telegram

FONDO CALABRIA COMPETITIVA

​CONTATTI

MENU

E' stato approvato in data 28.12.2020 dal Comitato degli investimenti, nominato con Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Sviluppo Economico – Attività Produttive e Turismo n. 14282 del 22/12/2020, il Regolamento Operativo del Fondo Calabria Competitiva (FCC).
Il Fondo Calabria Competitiva, finanziato con le risorse POR CALABRIA FESR/FSE 2014/2020, Azione 3.2.1 è stato istituito con DGR n. 443 del 15.12.202 con una dotazione iniziale di 40milioni di Euro.
Il Fondo, attraverso la concessione di finanziamenti rimborsabili a tasso agevolato, è finalizzato a sostenere il sistema imprenditoriale regionale in temporanea situazione di carenza di liquidità come diretta conseguenza dell’emergenza epidemiologica internazionale da COVID19, ed a garantire, in modo rapido ed efficace, alle Micro e Piccole imprese, la disponibilità liquida sufficiente e necessaria per contrastare i danni arrecati dall’epidemia, per preservare la continuità dell'attività economica, nonché i livelli occupazionali.

CIEFFE FINANZIA IMPRSA SRLS

VIia dei Normanni, 320

87064 Corigliano Rossano (CS)

​P.Iva: 03431440787
Tel: 3289023750

image-664

Dotazione finanziaria

L’ammontare complessivo delle risorse finanziarie destinate alla misura è pari ad € 40.000.000,00.
Le risorse finanziarie sono a valere sul POR Calabria FESR-FSE 2014/2020, Asse 3 – Competitività dei Sistemi produttivi, Azione 3.2.1 - “Interventi di sostegno ad aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive, finalizzati alla mitigazione degli effetti delle transizioni industriali sugli individui e sulle imprese”.

 

Imprese beneficiarie e requisiti di ammissibilità

Possono accedere al fondo le imprese che alla data della presentazione della domanda risultino in possesso dei seguenti requisiti:

  • Avere unità operativa e/o produttiva nel territorio della regione Calabria da almeno due anni solari; le imprese aventi sede legale al di fuori del territorio regionale, devono avere unità operativa/produttiva in Calabria e devono dimostrare di produrre all’interno del territorio regionale un fatturato annuo (calcolato con riferimento all’ultimo esercizio contabilmente chiuso oppure al 31 dicembre 2020) almeno pari alla metà del corrispondente fatturato annuo complessivo.
  • Essere iscritte nel Registro delle Imprese istituito presso la C.C.I.A.A. competente per territorio.
  • Essere costituite in una delle seguenti forme giuridiche: Ditta individuale, Società in nome collettivo, Società in accomandita semplice, Società a responsabilità limitata, Società per azioni, Società in accomandita per azioni.
  • Essere una Micro o Piccola impresa.
  • Alla data del 31 dicembre 2019 non devono avere, come rilevabile dalla Centrale dei Rischi di Banca d’Italia fornita, esposizioni bancarie classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria; inoltre, alla medesima data, eventuali sconfinamenti esistenti, non devono essere persistenti da oltre 90 giorni ed il loro totale non deve essere pari o superiore al 20 % del totale delle esposizioni per cassa esistenti nei medesimi 90 giorni; e non devono avere, alla data più recente disponibile rispetto alla data di presentazione della domanda, e come rilevabile dalla Centrale dei Rischi di Banca d’Italia fornita, esposizioni bancarie classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria.
  • Essere in temporanea situazione di carenza di liquidità quale conseguenza della diffusione dell’epidemia da COVID-19, come rilevabile dell’indice di Liquidità generale (Attivo circolante/Passivo circolante), determinato sulla base della situazione contabile aggiornata alla data di presentazione della domanda, che deve assumere valori inferiori all’unità.
  • Operare nel rispetto delle vigenti norme in materia di edilizia, urbanistica, lavoro, prevenzione degli infortuni, salvaguardia dell’ambiente.
  • Essere in regola con le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia previdenziale, assistenziale ed assicurativa (anche relativamente al pagamento di contributi previdenziali ed assistenziali), nonché in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di contratti collettivi di lavoro.
  • Relativamente alle sole società di capitali, non aver approvato, nel corso dell’anno 2020, la distribuzione di utili o il riacquisto di azioni proprie, e con obbligo a rispettare tale condizione anche per l’anno 2021

 

Settori ammessi:

 

C – Attività manifatturiere
D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria
E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
F – Costruzioni
G – Commercio all’ingrosso ed al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli
H – Trasporto e magazzinaggio
I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
J – Servizi di informazione e comunicazione
K – Attività finanziarie e assicurative
L – Attività immobiliari
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche
N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
O – Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
P – Istruzione
Q – Sanità e assistenza sociale
R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
S – Altre attività di servizi
T – Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico; produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie e convivenze
U – Organizzazioni ed Organismi extraterritoriali

 

Settori Esclusi
- settore della pesca e dell’acquacoltura;
- settore della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del trattato;
- qualsiasi produzione, commercio o altra attività che sia illecita ai sensi delle disposizioni legislative o regolamentari della giurisdizione nazionale che si applica a tale produzione, commercio o attività;
- la produzione ed il commercio di tabacco e bevande alcoliche distillate e prodotti connessi;
- la fabbricazione ed il commercio di armi e munizioni: il finanziamento della fabbricazione e del commercio di armi e munizioni di ogni tipo;
- case da gioco ed imprese equivalenti;
- ricerca, sviluppo o applicazioni tecniche relativi a programmi o soluzioni elettronici:
- settori specificamente finalizzati a sostenere: a) qualsiasi tipologia di attività che rientri nei settori esclusi indicati nelle precedenti punti da 2. a 4.; b) il gioco d'azzardo su Internet e le case da gioco on line, oppure c) la pornografia, o
- settori destinati a permettere a) di accedere illegalmente a reti elettroniche di dati oppure b) di scaricare illegalmente dati elettronici;
- restrizioni applicabili al settore delle scienze della vita: ricerca, sviluppo o applicazioni tecniche relative a: i) clonazione umana a scopi di ricerca o terapeutici oppure ii) organismi geneticamente modificati («OMG»);
- settore carboniero

 

Forma e caratteristica del finanziamento:

L’intervento finanziario consiste nella concessione di un Finanziamento avente le seguenti caratteristiche:


- Importo minimo dell’intervento finanziario concedibile: € 15.000;
- Importo massimo dell’intervento finanziario concedibile: € 80.000;
- Tasso fisso di interesse del Finanziamento: 0,69 % annuo;

- Durata del finanziamento: 60 mesi di ammortamento, oltre ad un periodo di preammortamento della durata di 12 mesi decorrenti dall’inizio del trimestre successivo alla data di ammissione a Finanziamento;
- Ammortamento: rate trimestrali posticipate, da rimborsare alle scadenze del 31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre di ciascun anno;
- Garanzie previste: a garanzia dell’intervento finanziario, è richiesto, in fase contrattuale, il rilascio di fideiussione personale solidale ed indivisibile (pari a 1,3 volte l’importo dell’intervento finanziario accordato)

 

L’importo del singolo Finanziamento concedibile, arrotondato per difetto alle migliaia, e determinato comunque in base all'esito della verifica di ammissibilità di cui al successivo art. 10, sarà pari, al massimo, al 25 % del Fatturato registrato nell’anno 2019 oppure nel minore importo richiesto dall’Impresa proponente

 

Scadenza

Si può inviare la domanda a decorrere dal 27 Gennaio 2021 e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder